“Produce innovazione digitale per valorizzare il modello tipico di azienda italiana e lo fa partendo da un pragmatico ascolto dei protagonisti, con un check digitale che rileva le competenze della governance, il modello organizzativo, il dialogo digitale del core business, la gestione del ciclo del credito”

Ammetto di aver letto più volte la descrizione di questa società, ma non ho capito proprio di cosa si tratta, eppure una certa dimestichezza con il mondo digitale dovrei averla. Trattasi delle prime righe che si trovano sul sito della IsiameD Digitale, una società a responsabilità limitata che ha avuto l’onore di ricevere, nella legge di stabilità appena votata in Camera e Senato grazie alla “fiducia”, uno stanziamento da 3 milioni di euro per “digitalizzare il made in Italy”.

A precisa domanda il ministro Calenda ha risposto di non saperne niente e di giudicare la cosa “stravagante”, ma ci ha pensato il senatore del PD Stefano Esposito  a chiarire la vicenda: “Si tratta di una marchetta”, un favore fatto ai verdiniani di ALA per ottenere i loro voti sulla manovra. Lo stesso senatore PD ha invitato i cittadini a non indignarsi perchè “Anche il Senato romano funzionava così”. Bene, almeno sappiamo qual è il programma del PD per le prossime elezioni: riportare l’Italia a 2000 anni fa.

content_small_isiamed01

E poi ci si meraviglia se il PD è in caduta libera nelle intenzioni di voto per le prossime politiche.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...